Omorovicza

Omorovicza nasce oltre duemila anni fa, quando furono scoperte le proprietà curative delle acque termali ungheresi e furono costruiti i primi bagni termali. Il segreto delle straordinarie proprietà curative delle acque termali ungheresi risiede nelle caratteristiche geologiche uniche della regione. Le acque assorbono i minerali e gli oligoelementi benefici più efficacemente, dando vita alla magia di Omorovicza.
Omorovicza
Pagina
Imposta la direzione crescente
La capitale ungherese è formata da due parti, Buda e Pest, che originariamente erano due città sedute sulle rive opposte del Danubio e sono collegate tra loro da una serie di ponti, tra cui l'iconico Ponte delle Catene. Budapest ha più fonti di acqua termale di qualsiasi altra città al mondo. Nel 1934 fu ufficialmente nominata "International Spa City". Nel 1800 la famiglia Omorovicza costruì un bellissimo bagno termale, il Racz Furdo, sul sito di un bagno ottomano, esso stesso eretto nel 1560 in cima a una sorgente terapeutica medievale famosa per le sue proprietà curative. All'inizio del millennio, Stephen de Heinrich de Omorovicza viveva a Budapest, quando incontrò per la prima volta il diplomatico americano Margaret, capo di stato maggiore presso l'ambasciata americana in Ungheria. Stephen portò Margaret alle terme costruite dalla sua famiglia. La coppia osservò i poteri curativi di queste acque sulla loro pelle e decise di intraprendere una ricerca per sfruttare il suo potere curativo. Il catalizzatore per la creazione di Omorovicza può essere ricondotto a un incontro che Stephen e Margaret ebbero con il capo di un laboratorio ungherese di dermatologia, famoso per la sua premiata scoperta della vitamina C. Molto è già noto sugli effetti benefici delle acque termali sui bagnanti grazie ai minerali che "si attaccano" alla pelle nei bagni. Meno noto è il fatto che non si assorbono nella pelle, non sono "biodisponibili". Per catturare la magia, era essenziale trovare un modo per trasportare questi minerali in profondità nell'epidermide. Stephen e Margaret credono che il futuro della bellezza non includa ingredienti sintetici dannosi e non necessari, che sono occlusivi e impediscono alla pelle di respirare. Credono anche che la bellezza futura sfrutterà il potere di antichi e magici fenomeni naturali attraverso un progresso scientifico sempre più rapido.