Santi Burgas e la celebrazione della natura.

Santi Burgas. Intervista ad uno dei nasi più eccentrici della profumeria artistica.

Finalmente abbiamo l'occasione di intervistare uno dei nasi più originali della profumeria: Santi Burgas. Dicci, come nasce la tua passione per il mondo dei profumi?

Sono un appassionato amante dei profumi sin da quando ero un bambino. La mia passione per la profumeria di nicchia è iniziata in modo particolare con il mio progetto finale dei miei studi: si trattava di uno studio che paragonava il quindicesimo secolo e le formiche. Ed è proprio così che ho scoperto che le formiche comunicano attraverso l’odore, attraverso i ferormoni. Da qui ho continuato ad investigare questo tema ed ho iniziato a provare a creare una fragranza che fosse mia. Alcuni anni dopo il sogno è diventato realtà e ho avuto l’opportunità di creare un mio brand.

Quali sono le tue note preferite fino ad adesso qual è la tua creazione che preferisci di più?

Amo le note animali: le mie preferite sono lo zibetto, l’hyraceum, l’ambra grigia…Non riesco a sceglierne solo uno! Per ora la mia fragranza preferita è OIKB della White Collection. Non solo per il profumo che sono riuscito a creare, ma soprattutto per il concetto che c’è dietro: il tributo ad un artista come Yves Klein ha avuto un forte impatto nella mia infanzia e adolescenza.

Se non fossi diventato un naso cosa avresti fatto nella vita? 

Mi ritengo una persona molto creativa. Per cui penso che se non avessi avuto successo nella profumeria molto probabilmente lavorerei in qualcosa inerente l’arte 

Nel tuo percorso questa vena artistica emerge di continuo: dal lavoro con gli artisti per le illustrazioni della White Collection alla presentazione della collezione Palindrome ad Esxence 2017 (per chi scrive la migliore di quelle in mostra alla fiera milanese). Pensando a questo mix, a questa esperienza che vuoi far vivere ti chiedo: nella profumeria di oggi è più importante la fragranza, l’immagine legata a Santi Burgas o le persone con cui si entra in contatto?

Innanzitutto molte grazie per l’apprezzamento della nuova collezione Palindrome: è un progetto in cui io e Rodrigo (ndr Flores Roux) eravamo molto eccitati all’idea di creare un profumo con effetto palindromo, in cui le note di testa siano riprese anche nel fondo, non solo a livello olfattivo, ma anche concettuale. E con nostra grande sorpresa siamo riusciti a creare due palindromi differenti. La loro presentazione nella fiera di Milano in cui le fragranze lievitavano in aria girando su se stesse in una campana di vetro era un tentativo per simulare l’effetto circolare delle fragranze e di comunicarlo indirettamente al pubblico. Tornando alla tua domanda penso che non esista una regola precisa per il successo. E’ importate un impegno costante, dare molta attenzione ai pensieri, ai commenti e ai bisogni del proprio pubblico e circondarsi di persone che abbiano la tua stessa passione.

santi burgas

In che modo il mondo online ha influito sul tuo lavoro e che relazione hai con il mondo web? Dal tuo punto di vista è un’opportunità per la profumeria di nicchia oppure qualcosa di negativo?

Internet ha aperto le porte del mondo intero: Santi Burgas esporta il 95% della produzione principalmente grazie alle vendite online in giro per il mondo e alla comunicazione attraverso i social media. In Spagna, dal momento che siamo in un periodo di crisi economica, la cultura della profumeria di nicchia non è molto sviluppata e purtroppo non possiamo vantare lo stesso successo che all'estero. Quindi per noi il web è una grande opportunità. 

Tornando alla “Palindrome Collection”… E’ un altro modo di pensare e di agire ispirato al mondo delle formiche oppure c’è qualcosa di più? Perché si percepiscono tantissimi concetti della letteratura classica nell'idea che c’è dietro questa nuova collezione.

La “Palindrome Collection” è pensata per incoraggiare le persone a dare tutti se stessi: è come se la luce, protetta da un bottiglia nera ed antitetica, dia la forza per combattere i tempi più duri. La somiglianza con la vita delle formiche in queste fragranze potrebbe essere pensata come un esercito di formiche che produce un cambiamento, che è responsabile di numerosi eventi. Quando vedo le bottiglie nere una affianco all’altra immagino sempre un esercito di soldati pronti ad agire.

Hai sempre cercato di celebrare la natura attraverso le tue fragranze. Quanto tempo è necessario per trovare l’ingrediente perfetto? La loro combinazione è qualcosa che di solito hai già in mente prima di creare una fragranza oppure la combinazione è qualcosa che evolve nel tempo. Hai qualche episodio che puoi raccontarci?

Innanzi tutto non si può generalizzare: ogni fragranza inizia in maniera diversa da tutte le altre. Ogni tanto cerco di trovare il giusto equilibrio magari fra poche note e sul singolo accordo, ma principalmente iniziò con un concetto o con un idea che poi cambiare continuamente e che mi porta ad un risultato totalmente diverso. E’ come dipingere su una tela bianca: la tua pittura evolve e modifica se stessa durante il processo creativo. Con OIKB, per esempio, c’erano due idee nella mia testa. Da una parte volevo includere l’essenza di Iris in alcune delle mia fragranze, ma non ero mai soddisfatto delle combinazioni che andavo creando. Dall'altra parte c’era la mia ammirazione per Yves Klein e i suoi lavori ed in particolare il suo Blu. Ed improvvisamente sono riuscito ad unire queste due idee dal momento che l’aroma secco e talcato dell’essenza di Iris che tanto mi ricordava il pigmento polveroso usato da Klein per dipingere. E da qui è nato OIKB.

Le fragranze Santi Burgas sono fra le più persistenti che si trovano nel mercato oggi. Qual è il loro segreto? Gli ingredienti, il processo di lavorazione, oppure qualcos'altro?

La persistenza è dovuta all'utilizzo esclusivo di ingredienti naturali invece che sintetici, oltre al largo uso che faccio delle note animale. Inoltre tutte le nostre fragranze sono Eau de Parfum e la maggiore concentrazione di essenza  le rende così persistenti.

E' stato un piacere chiacchierare con te e speriamo di sentirti presto con tante novità firmate Santi Burgas.

Se questa intervista ti è piaciuta leggi le altre interviste di Francesca dell'Oro, David Mallett e Simone Andreoli e facci sapere cosa ne pensi.

Lascia un Commento